15 49.0138 8.38624 arrow 0 both 1 4000 1 1 horizontal http://www.induerighe.it 300 4000
Segui gli approfondimenti del diario 2017/2018! Non perderti la nostra pagina Facebook! Scopri la sezione Ready to Read!

IL TOPOLINO DEI DENTI DA LATTE

Conoscete la favola del topolino dei denti da latte? Quando si perde un dente, tutti sappiamo che è meglio nasconderlo sotto il cuscino: durante la notte arriverà un topolino che, in cambio del vostro dentino, vi lascerà un piccolo gruzzolo da mettere da parte. Se non arriva il topolino, allora tocca alla fatina. Nessuno però ne conosce il vero aspetto! La favola del topolino dei denti arriva dall’Europa, dove tanti anni fa era tradizione seppellire i dentini da latte caduti ai bambini. Al sesto dente perduto, i genitori avevano l’abitudine di fare un piccolo regalo al bimbo: solitamente nascondendo dei soldi sotto al suo cuscino.

 

Già nel 1600 la baronessa Marie-Catherine d’Aulnoy nel racconto «La Bonne Petite Souris» parla di una fata che si trasforma in una topina per aiutare la Regina a sconfiggere un Re malvagio, facendogli cadere tutti i denti. Una leggenda spagnola del 1894 di Padre Luis Colma narra le avventure del «Ratòn Perez», «Il topo Perez», un topolino che viveva nel palazzo reale e che faceva visita al re portandogli doni in cambio di denti. In altre parti del mondo il dentino va nascosto nella tana di un serpente o di un topo, per impedire che una strega lo trovi e lo usi, oppure va buttato in un falò: la leggenda vuole che le ceneri raffreddate si trasformeranno in monete.

 

La tradizione appartiene a molti paesi del mondo: in alcuni paesi di lingua spagnola esiste il Ratoncito Pérez talvolta chiamato solo «ratón de los dientes», in Venezuela e Messico i bambini lo chiamano solo el Ratón, in alcune parti d’Italia, tra cui la Lombardia, non si parla di fate e topolini ma di Sant’Apollonia.

 

In Catalogna, una regione della Spagna, il compito è affidato a dei piccoli angeli chiamati «els Angelets». In Francia e nei paesi francofoni il personaggio è chiamato La Petite Souris; nei paesi anglofoni e nordici la figura è una fatina, chiamata «Tooth fairy» in inglese, «Zahnfee» in tedesco e «Tannfe» in norvegese; così nella regione bilingue del Québec, in Canada, arrivano tutti e due! In Irlanda il compito è affidato a una maga chiamata «Annabogle» e in alcune parti della Scozia a portare soldi è un topo-fatina bianco che compra i denti da latte.