15 49.0138 8.38624 arrow 0 both 1 4000 1 1 horizontal http://www.induerighe.it 300 4000
Segui gli approfondimenti del diario 2017/2018! Non perderti la nostra pagina Facebook! Scopri la sezione Ready to Read!

IL CARNEVALE NEL MONDO

Se la festa di Carnevale appartiene alla tradizione cattolica, modalità e i riti hanno origini molto più antiche e se ne ritrovano esempi in epoca greca e romana. Le sfilate a suon di musica pare che  risalgano alle tradizioni che gli africani e i portoghesi delle Azzorre portarono con sé oltreoceano, organizzando processioni  al ritmo del proprio folklore. Tutte queste storiche celebrazioni erano l’occasione, una volta l’anno, per sovvertire le regole sociali e gli obblighi gerarchici e per lasciar posto al rovesciamento dell’ordine, allo scherzo, al travestimento. Sono proprio queste le peculiarità che si sono diffuse nel mondo e che oggi caratterizzano i Carnevali internazionali.

Il Carnevale di Rio de Janeiro è il più famoso del mondo. Si tiene in Brasile, nel Sud America, e siccome questa nazione è di maggioranza cattolica, il significato religioso alla base della festa è simile a quello italiano: un momento di sfogo per dedicarsi a piaceri sfrenati prima dei 40 giorni di penitenza quaresimale. I festeggiamenti a Rio durano quattro giorni, sono imponenti e ricchissimi e soprattutto coinvolgono l’intera popolazione, che si riversa per le strade e si lascia trascinare da musica e balli tipici, primo fra tutti la samba!

Fra i carnevali più celebri c’è quello di Nizza, in Costa Azzurra, nel sud della Francia, famoso per la magnificenza degli spettacoli. La particolarità di questa festa, seguita da molti turisti, sono le “Battaglie dei fiori“. I fiori, infatti, sono l’elemento principale di questo Carnevale ed in particolare delle feste che si svolgono nei giardini Alberto I.

Un particolare Carnevale è quello che si svolge a Colonia, in Germania,  in un periodo diverso dal solito: inizia  il giorno 11 novembre alle ore 11 e 11 minuti esatti. Il Giovedì Grasso è interamente dedicato alle donne, che prendono il comando della città e possono permettersi ogni libertà nei confronti dell’uomo: vanno in giro mascherate a tagliare la cravatta ai maschi!